Attacco di panico e psicoterapia: come intervenire?

Condividi l'articolo!

In questo articolo parleremo dell’attacco di panico e di alcune psicoterapie efficaci.

COS’È UN ATTACCO DI PANICO?

Un attacco di panico è un periodo di paura o ansia in assenza di vero pericolo e accompagnato da sintomi cognitivi o somatici. Ha un esordio rapido, raggiunge un picco entro pochi minuti in cui si verificano almeno quattro dei 13 sintomi caratteristici:

  • tachicardia
  • dolore toracico
  • sudorazione
  • tremore
  • vertigini
  • rossore
  • bruciore allo stomaco
  • svenimento
  • affanno.

È comune nella popolazione generale con una prevalenza a vita dall’1% al 4% .

LE PRINCIPALI PSICOTERAPIE PER L’ATTACCO DI PANICO

Non esistono prove inequivocabili di efficacia garantita a supporto di una terapia psicologica rispetto alle altre per il trattamento del disturbo di panico (con o senza agorafobia) negli adulti. Tuttavia, alcune evidenze mostrano che la CBT (Cognitive Behavior Therapy), tra le più studiate tra le terapie psicologiche, otteneva risultati migliori rispetto ad altre terapie, sebbene la dimensione dell’effetto fosse piccola e il livello di precisione fosse spesso insufficiente o clinicamente irrilevante.
L’efficacia comparativa della CBT rispetto alla PFPP (Panic-Focused Psychodynamic Psychotherapy) nel trattamento dei disturbi con comorbidità è stata testata al termine e al follow-up di 1 anno. È stata anche analizzata la covarianza tra il panico e i miglioramenti in casi di comorbidità.

I pazienti che completano psicoterapie focalizzati sul panico spesso sperimentano una remissione significativa per le diagnosi di Agorafobia, Disturbo Depressivo Maggiore, Disturbo d’Ansia Generalizzato e Disturbo Affettivo Stagionale, senza differenze rilevabili tra i trattamenti, sebbene le dimensioni del campione per i confronti di DDM e DAS fossero piccole.

EFFETTI COLLATERALI DELLA PSICOTERAPIA

  • Ritardo di diagnosi: quando si ha la convinzione di trattare in maniera appropriata un disturbo e questo non è vero.
  • Peggioramento dei sintomi psichici: la psicoterapia, se praticata da un terapeuta poco preparato, può peggiorare l’andamento di una psicopatologia.
  • Dipendenza dal setting terapeutico.
  • Errate indicazioni ad una psicoterapia rispetto al disturbo psichico che si vuole curare: non tutti i disturbi mentali hanno l’indicazione di essere trattati con una psicoterapia ma con una farmacoterapia ed è vero anche il contrario.

 

 


Bibliografia

Bighelli, I., Castellazzi, M., Cipriani, A., Girlanda, F., Guaiana, G., Koesters, M., Turrini, G., Furukawa, T.A. & Barbui, C. (2018). Antidepressants versus placebo for panic disorder in adults. Cochrane Database Syst Rev, 5;4.

Keefe, J.R., Chambless, D.L., Barber, J.P. & Milrod, B.L. (2019). Treatment of anxiety and mood comorbidities in cognitive-behavioral and psychodynamic therapies for panic disorder. J Psychiatr Res; 114:34-40.

Pompoli, A., Furukawa, T.A., Imai, H., Tajika, A., Efthimiou, O. & Salanti, G. (2016). Psychological therapies for panic disorder with or without agoraphobia in adults: a network meta-analysis. Cochrane Database Syst Rev; 13;4.

Articoli sempre aggiornati sul mondo della Psicologia

Direttamente nella tua casella di posta!