Maria Jammal e salute mentale dei rifugiati: premiata la psicologa

Maria Jammal, avvocato, psicologa e co-fondatrice della ONG Humanity Crew, ha ricevuto il premio internazionale della Fondazione Principessa di Girona per aver fornito assistenza psicologica ai rifugiati.

Nadia e Maria Jammal (Bielorussia, 32 anni) sono arrivate a Lesbo nel 2015 in modo molto diverso.

Jammal e suo marito, psichiatra, sono adnati sull’isola greca per lavorare come volontari nel campo profughi di Pikpa.
Nadia, come tanti altri siriani, arrivò in fuga dalla guerra e lungo la strada ha perso tre dei suoi quattro figli.
Tuttavia, l’incontro ha cambiato la loro vita.

“Ho incontrato Nadia nel mezzo di una crisi d’ansia che urlava a suo marito: “Perché aiuti a salvare gli altri bambini e non hai salvato i nostri? Lì mi sono resa conto che ero l’unica dei volontari che parlava arabo e poteva accompagnarla nel lutto. I volontari si sono presi cura del cibo, dei vestiti, delle loro malattie, ma nessuno della salute mentale ”.

Mesi dopo, la coppia ha fondato Humanity Crew. Questa è una ONG che offre assistenza psicologica ai rifugiati in Grecia e ai volontari in Turchia, negli Stati Uniti e in diversi paesi europei. Per il lavoro di questa ONG, Maria Jammal ha ricevuto il Premio Internacional de la Fundación Princesa de Girona. Attualmente, Humanity Crew è composta da 250 volontari, ha servito oltre 13.000 persone e ha fornito circa 35.000 ore di supporto psicologico in diversi campi profughi a Lesbo.

Tra i disturbi più comuni dei rifugiati, Jammal evidenzia lo stress post-traumatico, l’ansia e problemi legati al sonno.

Oltre ad attrarre più volontari, Jammal aspira a “raccontare la storia dei più piccoli emigranti”. Programmi contro il bullismo, terapie di gruppo con donne migranti e la clinica online. Ora Jammal vuole pubblicare una serie di storie per bambini rifugiati in cui sono i principali eroi e raccontare il viaggio fuori dall’esperienza traumatica vissuta